track
votre badge visiteur
/Catalogue/Catalogue-Sial-Paris-2016/Liste-des-exposants 46518 112929 2183566

FIORDELISI SRL

1 Produit

Partenaire

Présent(s) sur le stand : UNIONCAMERE PUGLIA

Communiqué de presse

  • GUSTO

    01 Aout 2015

    SAPORI UNICI, BACIATI DAL SOLE Il clima mite e asciutto della Puglia favorisce la coltivazione del pomodoro, trasformato ed esaltato da processi di essicazione che ne valorizzano il sapore. Lo spiega Angela Fiordelisi Riscoperto negli ultimi tempi dai massimi chef italiani e apprezzato per i suoi valori nutrizionali che ne fanno un prodotto cardine della dieta mediterranea, il pomodoro è un alimento molto versatile anche sotto il profilo della conservazione. Consumabile sia crudo che cotto, è un ortaggio che si presta molto bene a processi di essiccazione, specie in zone soleggiate e dal clima asciutto e mite come il Tavoliere pugliese. Terra dove da oltre 60 anni opera Fiordelisi, azienda dedita alla coltura e alla produzione di vegetali e leader italiana per la produzione di pomodori secchi. «Tutto è cominciato dal capostipite Antonio Fiordelisi - rivela Angela Fiordelisi, nipote di Antonio e key account manager per il mercato retail in UK - al cui progetto si sono uniti nel 1978 i suoi quattro figli, che hanno sviluppato il raggio di attività dell'azienda, sempre secondo la filosofia "dal campo alla forchetta"». Un percorso di crescita aziendale costante, che nel 1995 ha conosciuto un altro momento chiave suggellato dal lancio dei pomodori semi-dried, diventati la punta di diamante della produzione Fiordelisi. «Il semi-dried, o semi-essiccato - spiega Angela - rappresenta un'evoluzione nella ricerca sui metodi di trasformazione del pomodoro. Scelto fra le varietà tonde a grappolo, diverse quindi da quelle lunghe utilizzate per produrre il pomodoro secco, se ne ottengono gli spicchi tramite selezione manuale, calibratura meccanica e taglio, per poi venir distribuiti all'interno di grandi forni con nastri in continuo» (...) Sul totale delle vendite infatti, il 95 per cento finisce in Europa (di cui solo il 9% in Italia), il 3 per cento in Usa e il 2 per cento diviso fra mercato asiatico e australiano. (...)Per noi la qualità è promessa e impegno». (...).

    Télécharger : Communiqués de presse [FR]Télécharger : Communiqués de presse [EN]